La crema solare non è un filtro magico!

victor-vazquez-8e41lvjiYyQ-unsplash.jpg

Arriva l’estate e con lei le tanto attese vacanze, al mare o in montagna. Tutti pronti a divertirsi all'aria aperta e trascorrere una splendida estate sì ma...senza scottature!

La pelle va sempre protetta con la crema solare, non scordiamoci mai che è l'organo più grande del nostro corpo e non dimentica mai nulla. Ogni scottatura solare diverrà una macchia senile o una ruga. Tutto ciò da cui la proteggiamo è un danno in meno che le “risparmiamo”.

Attenzione però, non aspettiamoci l’impossibile dalle protezioni solari, perchè non possono proteggerci in toto dai raggi solari e dai danni che possono arrecare a chi esagera. 

ethan-robertson-SYx3UCHZJlo-unsplash.jpg

Sono fondamentali alcune regole:

Si consiglia di stare all’ombra nelle ore più calde, usare cappelli e occhiali da sole, e se si ha una pelle particolarmente delicata capi di abbigliamento adatti (lino e cotone preferibilmente).

In più bisogna sempre considerare la capacità fotostabile della crema, ovvero il tempo attivo di protezione della crema ai raggi solari, un fattore che spesso dimentichiamo. Ecco perché dovremmo applicare la crema ogni 2/3 ore e ogni volta che ci si bagna, senza dimenticare che i raggi UV non si lasciano fermare del tutto dall’ombrellone né dal cielo nuvoloso.

Quale protezione solare? 

Con il buon senso e un po’ di informazione possiamo districarci nella giungla dei filtri solari senza troppe difficoltà. Così come il sole, di per sé, è un prezioso alleato della salute, anche la crema solare è uno strumento estremamente utile, purché venga scelta la SPF adatta alla nostra pelle e si sappia come usarla. 

analise-benevides-GBaoK4Dx5QM-unsplash.jpg

Ogni tipologia di pelle richiede un fattore protettivo adeguato 

Il colore di occhi, incarnato e capelli ci indicano il nostro fototipo di pelle e quanto siamo più o meno sensibili di fronte all’esposizione dei raggi solari. Generalmente le carnagioni chiare, con capelli rossi o biondi, tendono a scottarsi facilmente e per questo devono applicare una crema con fattore di protezione alto o estremo. Una carnagione più mediterranea, invece, può scendere a un fattore SPF 15 dopo una settimana. La protezione contro gli UVA, invece, deve sempre restare alta (per scegliere la crema solare giusta per te clicca qui). 

sun-protection-148363_1280.png

SPF è l’indicatore dell’efficacia di protezione che deve essere di largo spettro sia per i raggi UVA che per gli UVB. La scala è una sola a livello internazionale divisa in quattro categorie: protezione bassa da 6 a 10, media da 15 a 25, alta 30, molto alta 50.

È bene sapere che la SPF inferiore a 15 non protegge dai raggi UV

Spieghiamo in breve gli effetti sulla pelle dei raggi UVA e UVB

summerfield-336672_1920.jpg

I raggi UVA sono in minima parte trattenuti dall’atmosfera e dalle nuvole. Quando colpiscono la pelle penetrano in profondità ma sono raggi subdoli perchè ci permettono di stare molte ore al sole senza percepire il danno che provocano. Non abbronzano realmente, ma danno alla pelle una colorazione di breve durata causata dalla melina presente sulla nostra cute: praticamente un lieve imbrunimento che compare dopo poche ore dalla prima esposizione solare. In compenso, proprio per la loro capacità di penetrare fino al derma, danneggiano i capillari, il collagene e l’elastina, accelerando i processi di invecchiamento cutaneo, provocando rughe e macchie. 

Gli UVB, invece, sono in parte trattenuti dalla fascia di ozono, dalla troposfera e dalle nuvole, e colpiscono solo la parte superficiale della pelle, (l’epidermide). Questi sono i responsabili della vera e propria abbronzatura. Le radiazioni UVB stimolano, infatti, la proliferazione dei melanosomi, ovvero quelli organuli responsabili della produzione di melanina. Gli UVB sono i responsabili di eritemi, ustioni, scottature

Sfondo.jpg

FIORI DI CIPRIA COSIGLIA…

Dopo l’esposizione al sole prendiamoci cura della nostra pelle:

Anche se proteggiamo con attenzione la nostra pelle dalle radiazioni dannose, il sole è un'intensa fonte di calore che disidrata la nostra pelle. Per prevenire l’insorgere dei danni da esso provocati, come rughe e macchie, è bene utilizzare un trattamento riparatore intensivo alla sera e preparare la pelle ad una successiva esposizione.

CORPO

Un classico assoluto per il corpo è la CREMA DOPO SOLE che lenisce e idrata la pelle con i suoi principi attivi quali il latte di Cocco, il succo di Aloe e la Vitamina E.

VISO

Per il viso, invece, suggeriamo la straordinaria e innovativa LINEA ALLE CELLULE STAMINALI, per una pelle abbronzata ma idratata e tonica allo stesso tempo.

Fiori di Cipria