Con la primavera arriva la voglia di scoprirsi e di un po’ di colorito

young-woman-2194044_1920.jpg

 La primavera è arrivata da poco arrivata e con lei anche l'ora legale, che ci regala qualche ora di luce in più, e temperature sono decisamente più miti e gradevoli. La bella stagione invoglia ad esporsi ai primi raggi solari ma spesso si tralasciano le precauzioni che seguiamo maggiormente in estate. Infatti spesso si pensa erroneamente che il sole primaverile sia meno pericoloso di quello estivo. Non c'è niente di più sbagliato!

Tratti in inganno dal clima mite e più ventilato, quindi, si tende ad esporsi al sole per un tempo più lungo. Tuttavia, senza adeguati schermi protettivi, la pelle è ugualmente a rischio di scottature, eritemi e di tutti quei danni che il sole provoca durante l'estate, magari con esposizioni meno prolungate.

In primavera le giornate sono ventose, spesso il cielo non è limpidissimo e la luce sembra più debole e meno efficace per l'abbronzatura.

pretty-woman-1509956_1920.jpg

 In realtà la potenza dei raggi solari rimane inalterata, anche quando il sole è nascosto dalle nuvole. Infatti, esponendosi al sole nelle giornate primaverili nuvolose senza protezione solare ci si può scottare. È importante ricordare infatti che gli infrarossi dei raggi solari sono solo parzialmente bloccati dalle nuvole e il rischio è proprio che, non sentendo caldo, si tende a rimanere più a lungo esposti al sole. I raggi infrarossi sono dannosi per la pelle, riscaldano l’organismo e pertanto possono causare disidratazione e, in soggetti sensibili e bambini, anche colpi di calore.

Il sole non è nocivo con la giusta protezione solare: si può sfoggiare una bella tintarella senza correre rischi per la propria salute.

sunblock-1461397_1920.jpg

Come abbronzarsi in modo corretto in ogni stagione?

Regole basilari da seguire per evitare scottature, eritemi solari e danni cutanei ancor più gravi sono:

  • Evitare l’esposizione al sole nelle ore più calde della giornata, anche in primavera e nelle giornate nuvolose.

  • Applicare frequentemente la crema solare che abbia una protezione con filtri solari sicuri - sia per i raggi UVA che per quelli UVB -  e adeguata al fototipo della propria tipologia di pelle.

  • Indossare un paio di occhiali da sole che avvolgano bene il viso in modo da proteggere anche dalle radiazioni riflesse sulla zona contorno occhi.

  • Preparare la pelle con l’Attivatore di Abbronzatura, applicandolo quotidianamente almeno per una settimana prima dell’esposizione al sole.

eye-2937683_1280.jpg

Invecchiamento cutaneo: proteggiamo le zone maggiormente esposte con la Crema Solare Protezione (SPF 50+)

Non dimentichiamoci mai che il sole è il principale responsabile dell’invecchiamento e delle patologie della pelle. I raggi UVA arrivano fino al derma (lo strato più profondo della pelle) danneggiando e alterando i meccanismi di protezione cutanei. Di conseguenza si formano le rughe, soprattutto nelle zone maggiormente esposte come viso, collo, décolleté e mani.

Ricorda, inoltre, che dopo una giornata al sole la pelle ha bisogno di essere trattata con cura!

La detersione con prodotti delicati è molto importante per un’abbronzatura più intensa e duratura; per questo consigliamo di utilizzare il nostro Bagno Doccia Latte e Miele.

Per dare un'immediato sollievo alla cute arrossata e anche per idratare in profondità la pelle stressata dall’esposizione al sole si consiglia la Crema Dopo Sole Lenitiva.

Fiori di Cipria