Cause e natura del grasso addominale

Quante diete iniziate, chilometri percorsi di corsa in tutti i parchi della città e massaggi con unguenti miracolosi, tutto nel tentativo di far scomparire l’adipe accumulato sul nostro ventre… e alla fine senza ottenere nessun risultato soddisfacente?! Nella maggior parte dei casi si finisce, infatti, per arrendersi attribuendo ogni responsabilità alla nostra costituzione fisica.

appetite-1239057_1920.jpg

La pancia o addome è una zona di interesse un po’ per tutti. Nella maggior parte dei casi, l’accumulo di grasso addominale è una normale conseguenza dei chili di troppo. Questa è la prima buona notizia poiché con una dieta bilanciata, esercizio fisico costante e una Beauty Routine con cosmetici mirati, potremo raggiungere risultati estremamente soddisfacenti. 

Tuttavia a volte il problema può riguardare anche chi è di magra costituzione e in questo caso le cause della formazione della cosiddetta pancetta, possono essere molteplici. 

Per ottenere risultati soddisfacenti il primo passo da fare è sapere il perché abbiamo la cd. pancetta

belly-3186730_1920.jpg

Le cause più comuni da valutare sono:

  • Accumulo intraviscerale tipico della sedenterietà o dell'abuso alcolico e di cibo spazzatura; in genere, correggendo l'alimentazione e l'attività motoria, questo tipo di grasso è il più rapido ad andarsene.

  • Iperlordosi, ovvero quando, anche in condizioni di massimo dimagrimento, l'addome risulterà sempre prominente (fattore indipendente dal tessuto adiposo); si consiglia di controllare la postura.

  • Catabolismo, ovvero processo metabolico che riguarda il distretto dell’addome in fase di dimagrimento.

  • Ristagno idrico sottocutaneo tipico dei sedentari e di chiunque abbia una circolazione sanguigna precaria; la prima cosa da fare è incrementare l’attività fisica con esercizi quotidiani che aiutino la riattivazione della circolazione.

  • Predisposizione del cingolo ad essere stretto e non ampio; in questo caso, nel protocollo di allenamento sarebbe meglio evitare gli esercizi che ipertrofizzano troppo i muscoli obliqui esterni, interni ed i trasversali.

Perchè si forma il grasso addominale?

oil-4022602_1920.jpg

La formazione dello strato adiposo è legata all’attività degli adipociti, cellule che accumulano i grassi all'interno di grandi gocce lipidiche e che sono addette alla sintesi (accumulo e cessione) dei lipidi alle parti dell’organismo che ne fanno richiesta.  Questo vuol dire che il grasso dell’addome, può comparire anche su cosce, fianchi, glutei e braccia. Il numero degli adipociti è genetico, ma sebbene durante l'infanzia e la pubertà ci sia un aumento del numero, da adulti rimangono costanti.

In realtà Madre Natura non ha sbagliato: queste cellule svolgono una funzione di protezione fondamentale per il nostro corpo. Sono addette, infatti, alla produzione di energia e regolano la temperatura corporea. Lo sbaglio è (ovviamente) dell'uomo: più ingeriamo grassi e più contribuiamo allo stoccaggio di adipe in ogni singola cellula, la quale si gonfia fino a fare aumentare di volume la nostra pancia! 

Esiste una stretta correlazione tra la formazione di adipe e lo zucchero

Ciò che però è importante sapere è che i grassi che assumiamo non sono solamente legati ad alimenti notoriamente ricchi di grassi quali la carne, insaccati o formaggi.

Esiste una stretta correlazione tra la formazione di adipe e lo zucchero come quello presente nei biscotti, nelle merendine o nei prodotti da forno confezionati ma anche quello presente nella pasta, nel pane, nelle bibite, ecc… Più zucchero ingeriamo e più si alza l’indice glicemico del nostro sangue e il corpo conseguentemente libera l’insulina, responsabile della regolazione della glicemia e anche dell’accantonamento dei grassi nel tessuto adiposo…La brutta notizia è che il suo posto preferito è propio la nostra pancia!

Fiori di Cipria